Telefoni fissi e tecnologia in uso: informazioni per l’acquisto

Il telefono è un congegno presente, perlopiù, in tutte le case italiane e rappresenta uno dei dispositivi più facili da adoperare, indipendentemente dall’età dell’utente piuttosto che dalla sua familiarità con le strumentazioni moderne. La macro-distinzione che viene applicata a questi strumenti è tra modelli cablati e senza fili ovvero i cordless.

Anche se i modelli senza fili concedono il grande privilegio di poter essere usati con la massima libertà di movimento, concedendo all’utente di trasferirsi in qualunque area della propria abitazione, i telefoni cablati garantiscono un altro vantaggio rilevante: non necessitano di nutrizione elettrica. Il cavo telefonico usato da questi telefoni, infatti, è il tradizionale doppino in rame.

Questo ordina che il congegno potrebbe essere usato anche nel caso in cui venisse meno la corrente. Un enorme vantaggio in caso di emergenza dunque.

Il telefono fisso: composizione

Ogni telefono fisso è creato da due elementi: la base e il microtelefono. La Base è la parte che in genere viene collocata su un tavolo oppure fissata al muro. E’ la zona del telefono che ospita la tastiera. Il Microtelefono altro non è che la cornetta. Si compone di altoparlante e di microfono.

Anche se questi due principi hardware sono sempre inseriti nei congegni telefonici, si possono riscontrare molte variazioni in termini tecnologici oltre che in termini estetici, nei diversi modelli di telefonia esistenti in commercio.

L’evoluzione del telefono fisso

Il telefono fisso ha subito una grande modificazione nell’arco del tempo, e pur conservando la stessa funzione originaria, ci sono stati grandi cambiamenti nelle tecnologie che la rendono attuabile.

Il telefono analogico è stato il primo telefono inventato; questo non fruisce di alcun tipo di informazione digitale; la qualità del suo segnale dipende molto dalle condizioni atmosferiche e dalla specificità dell’impianto che trasmette il segnale. Bastano disturbi pressochè lievi, infatti, per alterare il segnale e storcerlo.

Anche se sono sicuramente sorpassati rispetto a modelli più recenti, i telefoni analogici sono ancora usati in molte case, presentando il servizio della convenienza economica e della facile fruizione.

I telefoni fissi digitali concedono di convertire il segnale elettrico in codice binario; questo significa maggiore qualità nonchè stabilità delle conversazioni.

I modelli di telefono digitale oggi sul mercato sono di norma più costosi rispetto a quelli analogici, ma permettono maggiori funzioni e sono particolarmente produttivi in ambito professionale.

I telefoni IP, denominati VoIP, offrono invece un servizio di telefonia che dipende dalla rete Internet . Si servono della Rete per avviare la telefonata. La qualità delle telefonate non è sempre ottimale, dato che la rete può essere spesso ostacolata e talvolta le telefonate in corso possono anche cadere.

Quanto costa un dispositivo fisso?

I costi di questi strumenti sono comprensibilmente più esosi, ma va analizzato che consentono un grandissimo risparmio sulla bolletta telefonica, rappresentando la soluzione migliore per chi ha necessità  di telefonare in modo autonomo.
Va inoltre sottolineato che alcuni modelli sono favoriti della tecnologia PoE che concede l’alimentazione del telefono tramite il cavo Ethernet .

Oggi un telefono fisso può donare una grande quantità di funzioni aggiuntive rispetto alla semplice telefonata. La maggior parte di queste può comparire poco utile in un semplice contesto domestico, ma invece molto favorevole in uffici anche se di piccole dimensioni.

Telefoni fissi: come selezionarli?

Il design di un telefono fisso può essere importante non solo per un fattore esclusivamente estetico ma anche per l’agio nell’uso. A seconda delle esigenze dell’utente, infatti, sarà probabile scoprire modelli con particolarità specifiche corrispondenti a vari tipi di necessità. Solitamente distinguiamo i telefoni sono da tavolo, con display o a muro.

Telefoni da tavolo: questi congegni presumono che la base venga posta su una superficie salda. Spesso mostrano grandezze maggiori rispetto ai modelli a muro e possono concedere un numero di tasti più numeroso. Si tratta della giusta scelta per chi usa spesso il telefono e  magari anche a scopo lavorativo.

Telefoni con display: a differenza dei telefoni consueti, quelli con display elargiscono sicuramente un maggiore comfort. Spesso, per esempio, è possibile digitare il numero da chiamare prima di alzare la cornetta, accordando la possibilità di verificare il numero prima di far partire la chiamata.

Telefoni a muro: molti dispositivi fissi prevedono che la base possa essere fissata al muro, così da evitare l’occupazione di uno spazio su superfici già occupate. Si tratta di modelli molto leggeri, dalle funzionalità basiche, ideati soprattutto per un uso quotidiano, all’interno di una abitazione. Non sono adatti per gli uffici, per intenderci.

Accessori per telefoni fissi

  • Cuffie: queste possono rivelarsi utili negli uffici e per le postazioni call center, dove vengono adoperate con microfono per ricevere un migliore isolamento acustico e adoperare le mani , durante la conversazione.
  • Filtri per il blocco chiamate: sono facili da reperire in commercio e molto utilizzati;  si tratta di filtri collegabili al telefono al fine di bloccare una serie di numeri considerati fastidiosi o potenzialmente tali.

Livia Carandente è una giornalista napoletana. Laureata in Comunicazione, ha collaborato con diverse testate, cartacee e televisive, e diretto dei magazine. E’ autrice e conduttrice del format televisivo “Le vie del Cuore”, dedicato a storie di fede. E’ autrice del romanzo “Quanti figli hai?”, edito da Tau. Insegna “Psicologia della Comunicazione attraverso i simboli” . Scrive di Comunicazione e di strumenti legati alla comunicazione. È moglie e mamma.

Back to top
menu
telefoniafissaeaccessori.it